Studio giapponese: con L. casei Shirota maggiore controllo della febbre negli anziani

25 Novembre 2020

Il consumo regolare di latte fermentato con L. casei Shirota (LcS) negli anziani è in grado di ridurre i giorni di febbre e la durata degli episodi febbrili. Questo il risultato di uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato vs placebo, condotto su 88 persone di 86 anni di media, residenti in due strutture per anziani nelle città giapponesi di Chiba e Saitama.

Sulla base dei risultati di alcuni studi precedenti, i ricercatori hanno voluto verificare l’efficacia del latte fermentato con L. casei Shirota nel controllo della febbre ma anche su altri indicatori, quali, per esempio, l’effetto immunomodulante sulle IgA salivari e del sangue periferico.

I partecipanti sono stati suddivisi in due gruppi e seguiti per sei mesi, durante una stagione autunno-invernale. Ogni giorno, 44 soggetti assumevano una bottiglietta di latte fermentato contenente LcS e gli altri 44 un placebo (senza alcun ceppo batterico).

A inizio e fine studio sono stati raccolti campioni di sangue periferico, saliva e feci.  La comparsa di episodi febbrili è stata valutata per 12 mesi: i sei dello studio e i sei precedenti.

Nel gruppo LcS, non si sono registrate differenze nel numero medio di giorni/persona con febbre: 0,90. Il gruppo placebo, invece, prima dello studio aveva una media di 1,22, arrivata a 2,89 nel corso della ricerca. La stessa durata degli episodi era raddoppiata tra chi aveva ricevuto placebo, passando da 0,52 a 1,17 giorni di media, rimanendo invariata nel gruppo LcS.

L’analisi dei campioni di sangue, saliva e feci non ha invece segnalato differenze, che potevano, nelle attese degli Autori, suggerire una possibile spiegazione ai dati riscontrati sulla febbre. Tra le interpretazioni addotte, la principale è che possibili effetti immunomodulanti, già evidenziati in altre ricerche, possono essere più facilmente riscontrati con un monitoraggio continuo degli indicatori e non a distanza di sei mesi. Questo, però, avrebbe comportato prelievi regolari non compatibili con la fascia di popolazione analizzata.

Così concludono gli Autori: “I nostri risultati mostrano che il consumo regolare di latte fermentato con L. casei Shirota riduce il numero di giorni con febbre e la durata della stessa, in linea con i risultati di studi precedenti. Si tratta di un’evidenza rilevante soprattutto per gli anziani, considerato il rischio di disidratazione e altre complicanze legate alla comparsa di episodi febbrili in questa popolazione. Sarà importante, a questo punto, avviare studi approfonditi che indaghino i meccanismi alla base di questo effetto protettivo”.

In collaborazione con Yakult Italia

 

 

 

 

 

 

Top
Questo sito utilizza i cookies, che consentono di ottimizzarne le prestazioni e di offrire una migliore esperienza all'utente. More details…