La seconda giovinezza delle diete low-carb

Un ampio quadro del mondo della nutrizione che da una parte mostra la bellezza della biochimica che ne regola il funzionamento e, dall’altra, i fallimenti dell'establishment medico nella sua demonizzazione di ciò che è “grasso” e delle diete a basso contenuto di carboidrati e chetogeniche.

Nutrition in crisis (Chelsea Green Publishing; 304 pp; 2019) è un best seller in Usa, scritto da Richard David Feinman, docente di biologia cellulare alla State University di New York partendo dalla costatazione che ogni giorno siamo bombardati da informazioni che mettono in correlazione cibo e salute spesso in maniera contrastante.  Ecco allora che il biochimico Feinman fornisce al lettore con un linguaggio semplice e divulgativo gli elementi base per orientarsi in questa confusa babele che spesso nasce proprio dagli scienziati e che poi viene veicolata attraverso i media.

Feinman, poi, è un autentico sostenitore dei benefici di una dieta low-carb, di cui racconta la rapida ascesa 15 anni fa, poi il declino e la nuova giovinezza di oggi.

Sei le sezioni del libro che vanno dai principi base di nutrizione e metabolismo alla descrizione della prima e della seconda rivoluzione low-carb, riproponendone il ruolo chiave i diversi ambiti clinici, dal dimagrimento, alla cura delle malattie metaboliche sino alle nuove frontiere in ambito oncologico.

 

 

Top
Questo sito utilizza i cookies, che consentono di ottimizzarne le prestazioni e di offrire una migliore esperienza all'utente. More details…