Videointerviste

L’inserimento nella dieta di alimenti arricchiti in fitosteroli o di integratori a base di queste molecole può consentire di risolvere l’eccesso di rischio associato a modesti aumenti della colesterolemia Ldl. Altre sostanze utili in questa direzione sono il riso rosso fermentato, il beta-glucano e la berberina.

Negli ultimi 5 anni, sono stati pubblicati più di 800 articoli da autori italiani concernenti l’uso di probiotici, e di questi un centinaio sono studi clinici, confermando una posizione di primo piano per la ricerca italiana. Nuovi ceppi sono allo studio, appartenenti sia a specie già in uso, sia a specie meno note, aprendo quindi nuove prospettive di sviluppo e nuovi settori d’applicazione, come la salute microbiologica del cavo orale, la salute dell’apparato uro-genitale dell’uomo e della donna o l’eradicazione dell’Helicobacter pylori.

In un settore in forte crescita, la sfida per le aziende leader è di competere per qualità, innovazione ed esperienza puntando poi su informazione e formazione degli operatori sanitari, nutrizionisti e farmacisti in primis, e del cittadino, per un uso consapevole dei prodotti.

Negli ultimi anni, l’incidenza delle patologie neurodegenerative sta aumentando in maniera esponenziale nei paesi industrializzati dove si parla di una triplicazione dei casi di Alzheimer da qui al 2050. In quest’ottica di emergenza socio-sanitaria, l’eventuale disponibilità di sostanze che aumentino le difese naturali del cervello, rallentando la morte dei neuroni e prevenendo l’insorgenza di patologie cognitive, è sempre più rilevante.

Le più recenti linee di ricerca suggeriscono che il microbioma svolga un ruolo fondamentale nel mantenimento dello stato di salute dell’organismo ospitante. In questo contesto sono stati condotti anche studi in ambito oncologico che stanno offrendo indizi incoraggianti che stanno spingendo ad approfondire l’argomento. Proprio della possibile relazione fra microbiota e tumori è stato dedicato un convegno, “MIBIOC – The way of the microbiota in cancer”, primo meeting internazionale presso l’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, su attualità e prospettive future del microbiota in ambito oncologico, dalla patogenesi alle terapie.

Nel corso della vita la donna affronta diverse fasi di cambiamento fisiologico particolarmente delicate, in cui è necessario prestare particolare attenzione a soddisfare le necessità nutrizionali per mantenere una condizione di benessere generale. I principali cambiamenti sono rappresentati dalla comparsa del menarca, dal progressivo sviluppo osseo e muscolare durante l’adolescenza, da gravidanza e allattamento, precedute spesso da una fase di controllo della fertilità mediante l’utilizzo di contraccettivi orali e, infine, dalla delicata fase della menopausa, in cui il decremento degli estrogeni causa l’alterazione della funzione di molti sistemi della donna, in primis termoregolazione, stabilità vasomotoria e ritmo sonno-veglia.

Pagina 7 di 15
Top
Questo sito utilizza i cookies, che consentono di ottimizzarne le prestazioni e di offrire una migliore esperienza all'utente. More details…