Videointerviste

Prezioso dolcificante, ricco di fruttosio, glucosio, minerali, vitamine ed enzimi fondamentali per il nostro benessere, il miele possiede anche una dimostrata attività antinfiammatoria e antimicrobica.

Il farmacista gioca un ruolo chiave nel consiglio sul corretto integratore e soprattutto sul suo impiego, laddove di fattori di rischio asintomatici quali, per esempio, le dislipidemie, possono indurre scarsa adesione mentre richiederebbero tempi lunghi per evidenziarne l’efficacia.

Quella del prediabete è una condizione ancora sottovalutata nella quale però è fondamentale intervenire prima che sia troppo tardi. Il primo passo per la prevenzione si basa sull’adozione di uno stile di vita sano nella scelta dei cibi e nell’attività fisica. Tuttavia, questo approccio risulta spesso fallimentare nella partica quotidiana. La nutraceutica può rappresentare un’arma molto importante a disposizione di medici e pazienti. Su questo fronte, risultati clinici recenti suggeriscono l’impiego di un derivato dalle alghe marine Ascophyllum Nodosum e Fucus Vesiculosus.

Tra i componenti di frutta e verdura, all’interno della dieta mediterranea, la mela occupa il primo posto quale fattore protettivo dal rischio cardiovascolare e oncologico. È in grado, infatti, di ridurre il c-Ldl, migliorare la microcircolazione arteriosa e la perfusione cerebrale e dati preliminari ne suggeriscono capacità preventive nel cancro a seno e colon-retto. Tutti i laboratori universitari stanno dunque volgendo la loro attenzione nei confronti di questo frutto. A Bologna, l’attenzione si sta concentrando su recupero e valorizzazione della mela Rosa Romana dell’Appennino.

Una situazione di pre-diabete è da considerare già un condizione di rischio cardiovascolare. Il cambiamento degli stili di vita, migliorando dieta e attività fisica, sono rimedi non sempre facili da mettere in pratica e oggi sta riscuotendo sempre maggior interesse la possibilità di intervenire anche con l’utilizzo di composti nutraceutici che, inibendo enzimi intestinali specifici come le alfa-glucosidasi, portano a una riduzione dell’assorbimento rapido degli zuccheri.

Avere in listino nutraceutici insieme ai farmaci è una grande opportunità, in quanto consente di intercettare sia i bisogni di chi, per esempio in caso di dislipidemia, può limitarsi al controllo di dieta e stili di vita sia di quelli che necessitano invece di terapia farmacologica.

Pagina 1 di 7
Top
Questo sito utilizza i cookies, che consentono di ottimizzarne le prestazioni e di offrire una migliore esperienza all'utente. More details…